INIZIO CORSI 

23 marzo 2019


Scuola di Alta Formazione al ruolo di CTU, CTP e Perito in ambito psicologico-forense  (SSD:M‐PSI/05)
VI^ Edizione 2019 -  ISCRIZIONI APERTE



30 marzo 2019


MASTER Archeologia Giudiziaria e crimini contro il Patrimonio Culturale (V^Edizione 2019) - MASTER ATTIVATO - ULTIMI TRE POSTI DISPONIBILI



04 aprile 2019


SAFIM - Scuola di Alta Formazione per Istruttori Mindfulness (SSD: M-PSI/08)
 I^ Edizione 2019 -  ISCRIZIONI APERTE



05 aprile 2019


Open-air training course (OTC) - Etruria Meridionale - Tarquinia - Vulci  (VT)



07 aprile 2019


Professional Specialist Course  (PSC) - Tecniche di analisi non invasive per le indagini sul Patrimonio Culturale: le opere pittoriche. (I^Edizione 2019)



03 maggio 2019


Open-air training course (OTC) - Etruria Meridionale - Viterbo - Aree Archeologiche



07 giugno 2019


Open-air training course (OTC) - Etruria Meridionale - Viterbo - Montefiascone (VT) - Beni Storico Artistici



 
CALENDARIO 
<
MARZO 2019
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
-- -- -- -- -- -- --
 
 
Eventi CSC
CARCERE DI VITERBO - 27 GENNAIO - GIORNO DELLA MEMORIA -
EVENTO GLOBALE IN 5 CONTINENTI PROIEZIONE DI ' L’OROLOGIO DI MONACO’
 



CARCERE DI VITERBO - 27 GENNAIO - GIORNO DELLA MEMORIA
EVENTO GLOBALE IN 5 CONTINENTI
PROIEZIONE del film L’OROLOGIO DI MONACO’  
del regista Mauro Caputo e tratto dal racconto di Giorgio Pressburger

La proiezione è riservata ai detenuti del carcere di Viterbo.

Evento curato dal CSC - Centro per gli Studi Criminologici, giuridici e sociologici
 Presentazione di Daniele Camilli e Claudio Mariani

L'idea di celebrare il Giorno della Memoria nasce in Italia con l'evento globale che, il 27 gennaio 2016, riunisce in
questo particolare momento di attualità internazionale, persone di Paesi e culture diverse, sparse nei cinque
continenti, mediante le proiezioni pubbliche gratuite del film "L'orologio di Monaco", promosse dagli Istituti Italiani
di Cultura e Ambasciate nel mondo.

La novità di rilievo di quest'anno vede come assoluta protagonista la città di Viterbo, capoluogo del Lazio, dove la pellicola sarà proiettata e presentata da Daniele Camilli e Claudio Mariani, del ‘CSC Centro per gli Studi Criminologici’, all'interno della Casa Circondariale di Viterbo per condividere con i ristretti detenuti , i valori che questa ricorrenza porta con sé.

Atene, Barcellona, Chicago, Colonia, East London, Istanbul, La Valletta, Lubiana,Madrid, Praga, San Francisco, Sydney, Strasburgo, Tel Aviv, Tokyo, Trieste sono tra le tante città dove la pellicola è stata scelta per celebrare questa ricorrenza internazionale.


La straordinaria pellicola è il racconto di un uomo che si fa racconto dell’uomo, un testimone delicato e prezioso del Novecento, alla ricerca delle proprie radici familiari e culturali, per capire, oggi, nel presente, lui stesso chi è. Si tratta di un affascinante viaggio nel mondo e nel tempo, un messaggio per le nuove generazioni. Il film, prodotto dalla VOX Produzioni in associazione con l'Istituto Luce Cinecittà, è tratto da una raccolta di racconti di Giorgio Pressburger che nel lungometraggio è anche il protagonista e la voce narrante. Presentata nella selezione ufficiale del Festival Internazionale del Film di Roma e successivamente al Mittel Cinema Fest 2015 l’opera seconda di Mauro Caputo, riconferma la collaborazione con il regista/romanziere Giorgio Pressburger ai cui racconti il film si ispira, portando sullo schermo una famiglia centroeuropea in cui confluiscono i nomi dei più grandi protagonisti della storia degli ultimi due secoli: Marx, Heine, Mendelssohn, Husserl, Emeric Pressburger. Scrittore, regista, intellettuale che come pochi riesce a raccontare con sapienza quel territorio fisico e immateriale che è stata (ed è) la Mitteleuropa, Pressburger rivive con intensa emozione, attraverso una ricerca che si intreccia tra presente e passato, i ricordi e le vicende umane che l’hanno portato a scoprire "cosa vuol dire veramente appartenere alla comunità umana dei vivi e dei morti". Nel film si possono vedere le immagini suggestive di alcuni luoghi della città di Trieste, ma anche quelle riprese nella vicina Slovenia o a Londra, insieme ai filmati di repertorio dell’Archivio Luce e al materiale video originale del regista Emeric Pressburger, gentilmente concesso per questo film dal regista scozzese premio Oscar, Kevin Macdonald, suo nipote. E su tutto, la voce e la fisicità di un uomo (Giorgio Pressburger), protagonista di questo viaggio, la cui vicenda personale e familiare riesce magicamente a intrecciarsi con la memoria del nostro ‘900, evocandone storie, violenza, arte, passioni. Luoghi, colori, parole, memorie, che compongono un affascinante viaggio non solo di una vita, ma di una cultura.
Hanno detto de L’OROLOGIO DI MONACO
"Ho provato un forte rammarico al concludersi di questo film, quando la magica voce di Giorgio Pressburger e le complici immagini di Mauro Caputo hanno abbandonato lo schermo. Quella enorme quercia dalla chioma solenne sulla quale Giorgio, in cerca di se stesso, si è arrampicato per un incontro amorevole con quei suoi progenitori che hanno “fatto” il pensiero del nostro tempo, si è dissolta in una nebbia silente lasciandomi in uno stato di commossa riconoscenza". PUPI AVATI
"Un uomo va alla ricerca di coloro che, nei tempi e nei Paesi più diversi, hanno portato il suo nome, nome di
persone famose o sconosciute, sparse nel mondo nell’erranza del popolo ebraico – e scopre che quei legami non sono soltanto legami vicini o lontani di famiglia, ma legami universalmente umani. La sua odissea e la sua ricerca percorrono un mare di dolore, di avventura, di indistruttibile pietas e tenerezza e diventano semplicemente una ricerca dell’umano e dunque di se stessi. Un racconto cinematografico intenso e struggente, forte e discreto, che fa parlare non solo gli uomini ma anche i paesaggi, le cose, le tracce degli uomini passati sulla terra". CLAUDIO MAGRIS
“L’orologio di Monaco di Mauro Caputo conduce lo spettatore a condividere con intelligenza e partecipazione il mondo di ricordi e di riflessioni di Giorgio Pressburger, un mondo che si snoda attraverso mezza Europa e che incrocia personaggi celebri (da Heine a Mendelssohn, da Marx a Husserl al regista Emeric Pressburger, tutti legati ai suoi antenati) e persone comuni, momenti drammatici (Pressburger fuggì dall’Ungheria nel 1956, la sua famiglia subì le persecuzioni naziste) e pause di riflessione. Ma questo viaggio nel tempo e nella memoria non ha mai l’arroganza o l’orgoglio di chi vuole trasformarlo in vanto ma piuttosto la dolcezza e la delicatezza di chi sa che «i miti ci visitano fino a che, a un certo punto, come sono nati, svaniscono». La voce pacata di Pressburger e la sua figura quasi timorosa accompagnano lo spettatore tra i ricordi e gli «incanti» di un vita lunga e intensissima, a volte assumendo il tocco magico dell’orologio di famiglia che dà il titolo al film, altre volte lo sguardo incuriosito di chi «non ha mai trovato nessuna certezza ma non smette di cercare», conscio che alla fine ciascuno si rinchiuderà nella propria solitudine, «come era all’inizio degli inizi». Costruito secondo i modi «tradizionali» del racconto ritmato dalla voce off, il film sa mostrare una inedita forza visiva dal forte impatto emotivo, capace di passare dal pubblico al privato con bella armonia e un fascino che è insieme segreto e quotidiano”. PAOLO MEREGHETTI


Torna indietro | Stampa | Informa un amico
 
Network

Criminologi.com

Tyrris.it

Facebook

CSC

CORSI

FORMAZIONE PROFESSIONALE

EVENTI

ACCEDI

NEWSLETTER

NOTE LEGALI

CARTA QUALITA'

ORGANIGRAMMA

PRESS

Contatti
0761 1711448
334 9694130
  segreteria_csc@criminologi.com
  Piazza S. Francesco, 2
01100 Viterbo

Visitatori Correnti : 0
Iscritti : 0