la criminologia in rete
   Si segnala
 
By Týrris Onlus

Centro di Promozione Culturale
Eventi CSC
TI INVITIAMO A COLLEGARTI ALLA SEZIONE "PROPOSTA FORMATIVA" PER CONOSCERE LE NOSTRE ATTIVITA'
Per comprendere i termini - Cerca
 a  b  c  d  e  f  g  h  i  j  k  l  m  n  o  p  q  r  s  t  u  v  w  x  y  z
Seminario 'Gioco d'azzardo patologico: aspetti psicologici e criminologici'
Dr.ssa Maria Felicita Pizzi
 



Seminario gratuito

del S.A.I. ...noi ci siamo - ONLUS

 'Gioco d'azzardo patologico: aspetti psicologici e criminologici'

29 Aprile 2016

Ore 18:00

Viterbo - CSC - Palazzo Grandori
P.za San Francesco, 2

 

 

Presentazione:

Interviene:
MARIA FELICITA PIZZI  - psicologa clinica e giuridica, psicoterapeuta ad orientamento sistemico-relazionale, esperta nell’ambito delle dipendenze, della devianza e del disagio giovanile -

Presenta:
VALENTINA TANINI - Psicologa, Consulente del S.A.I. ...noi ci siamo - onlus

COMUNICATO STAMPA


Ma cosa è il gioco d’azzardo patologico? Quali le sue vittime e perché? Quali gli aspetti psicologi e criminologici di questa dipendenza?
Il gioco d’azzardo patologico è un fenomeno molto diffuso e ancora poco conosciuto - dichiara  la dr.ssa Maria Felicita Pizzi, Psicoterapeuta sistemico-relazionale, consulente del ‘S.A.I…noi ci siamo!’ e collaboratrice del ‘CSC’ - Poche le ricerche, pochi i professionisti veramente preparati ad affrontare il problema. Recentemente il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM V),utilizzato in tutto il mondo, ha incluso il gioco d’azzardo patologico nella sezione dedicata ai disturbi correlati alle sostanze stupefacenti, introducendo il nuovo concetto di “dipendenza comportamentale”. Altre forme di dipendenza, le cosiddette new addictions, invece, devono ancora essere sottoposte a ulteriori ricerche e verifiche per essere inserite a pieno titolo tra i disturbi mentali, è il caso della dipendenza da internet, dal sesso, dallo shopping, dal lavoro ecc.
Nel caso del giocatore compulsivo, ciò che giustifica sul piano logico il concetto di “dipendenza comportamentale” è il fatto che i suoi comportamenti creano esperienze soggettive simili a quelle di chi  è diventato dipendente dalle droghe. Sembra, inoltre, che le due forme di dipendenza derivino, dal punto di vista organico, dalla stessa rete neuronale e che rispondano bene a trattamenti terapeutici simili (psicoterapia individuale e familiare, trattamento di gruppo ecc.).
Le terapie per il gioco d’azzardo patologico, infatti, ci sono, tuttavia solo una percentuale molto bassa dei giocatori in difficoltà richiede un intervento specialistico. Il giocatore d’azzardo giunge spesso a fare una  richiesta d’aiuto spinto dai familiari o per tentare di risolvere problemi di natura finanziaria e non perché realmente motivato a smettere di giocare o perché  consapevole di avere un problema di natura psicologica. Per questi motivi molto utile è la partecipazione ai gruppi di auto-aiuto, spesso organizzati dai servizi socio-sanitari del territorio, che possono aiutare a prendere consapevolezza del problema e a sviluppare una rete di supporto sociale, aiutando i giocatori a prendersi la responsabilità della loro guarigione e ad  apprendere utili strategie comportamentali per evitare le ricadute.
Come nel caso delle tossicodipendenze, nelle dipendenze comportamentali ciò che inizialmente aveva una funzione ludica e ricreativa diventa una vera e propria compulsione.
Nel caso particolare del gioco d’azzardo patologico, infatti, - prosegue Maria Felicita Pizzi - coloro che ne soffrono divengono progressivamente incapaci di smettere di giocare e i tentativi di controllare o ridurre il gioco falliscono, mentre tendono ad aumentare l’impegno, il tempo ed il denaro spesi in questo tipo di attività. Possono associarsi, inoltre,disturbi dell’umore, abuso di sostanze,  tentativi di suicidio.
In questi casi anche se l’atto non è più solo fonte di piacere, la persona sente comunque il bisogno di continuare a compierlo in modo ripetitivo, nonostante vi siano ormai gravi conseguenze negative a livello finanziario, lavorativo, familiare. Il giocatore può arrivare, inoltre, ad avere anche gravi problemi legali.
Egli gradualmente perde il controllo sulle sue azioni e subentra, inoltre, il bisogno di incrementare sempre di più l’attività di gioco per avere gli stessi effetti piacevoli. Spesso si inizia con basse somme di denaro ma per avere maggiore brivido si aumentano sempre più i soldi giocati.
La persona trascorre molto tempo in attività legate al gioco e sono frequenti i pensieri e le preoccupazioni legate ad esso; quando è impossibilitata a giocare compare il carving che altro non è che il desiderio impellente e irrefrenabile di tornare a giocare, possono comparire, inoltre, dei veri e propri sintomi di astinenza come profondo malessere, agitazione e nervosismo.
Spesso si tratta di persone fragili e vulnerabili, già predisposte a diventare dipendenti per delle difficoltà incontrate nella loro storia di vita e per un’incapacità di riconoscere, esprimere e regolare le proprie emozioni.
Per molti giocatori patologici il gioco rappresenta, quindi, un modo per fronteggiare stati emotivi negativi. Questi giocatori hanno frequentemente, inoltre, modalità di ragionamento distorte e dei pensieri disfunzionali che li portano a tentare la fortuna e a perdere come, ad esempio, la convinzione di poter prevedere gli esiti del gioco; si tratta, in realtà, di veri e propri errori logici dal momento che i giocatori credono di poter controllare eventi che sono, invece, incontrollabili come, ad esempio,  avviene nel caso dei numeri che tardano ad uscire al gioco del lotto.
I giocatori compulsivi quando giocano non riescono a fermarsi e di fronte alla perdita tendono a tentare nuovamente la fortuna nella convinzione che, proprio in quel momento, hanno la possibilità di riguadagnare tutto quello che hanno perso. Si entra così in una spirale che può condurre a mettere in atto comportamenti come rubare in casa, impegnare lo stipendio, fare finanziamenti, chiedere soldi agli usurai, raccontare bugie al lavoro e ai familiari fino ad arrivare a compiere veri e propri reati come, ad esempio, furti, rapine, truffe. Recenti ricerche hanno dimostrato, infatti, che stanno aumentando i crimini commessi a causa della dipendenza da gioco d’azzardo – conclude Maria Felicita Pizzi - e molte persone affette da questo disturbo si ritrovano in carcere proprio a causa del gioco. In questi casi proprio il carcere può rappresentare un’opportunità preziosa di consapevolezza e cambiamento, dal momento che la vera vincita, è vero, si ha quando si smette di giocare.

Per tutti coloro che ne avessero necessità, sarà possibile prendere un appuntamento con l’equipè di psicologi e legali del S.A.I …noi ci siamo, chiamando il numero 0761 1711448 -  oppure recandosi direttamente in sede,  Piazza San Francesco 2, Viterbo. E’ garantita la massima riservatezza. Per ulteriori informazioni si può consultare la pagina Facebook ‘S.A.I noi ci siamo’.  

Dr.ssa  Maria Felicita Pizzi
Psicoterapeuta sistemico - relazionale    
Consulente del ‘SA.I …noi ci siamo!’

Fonte TusciaWeb
 


Per iscriversi o avere ulteriori informazioni: www.criminologi.com, segreteriasaionlus@libero.it,  oppure, telefonare ai seguenti numeri: 0761.1711448, 3349694130.

 

  Scarica la Locandina del Seminario


Torna indietro | Stampa | Informa un amico
Calendario appuntamenti
 
<
Maggio 2018
>
L M M G V S D
-- 01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 -- -- --
 
Convegni e Conferenze


Congresso 'La violenza :osservazioni ed azioni di superamento'
ASSOCIAZIONE SIGMASOFIA onlus
18 Settembre 2016 - ore 10:00-18:00 - Via di Caporipa snc, Località Caporipa - Sutri (VT)
 





Seminario 'Gioco d'azzardo patologico: aspetti psicologici e criminologici'
Dr.ssa Maria Felicita Pizzi





Il Concetto di "Notizia" Come nasce l'idea di un' Inchiesta
mercoledì 16 marzo ore 17:30



Eventi
 
  Corso di formazione in:
“Grafologia generale: dell'’orientamento professionale, dell' età evolutiva, clinico-valutativa e forense”

L'associazione Letteraria Mariano Romiti presenta a Caffeina 2012 i finalisti al concorso Premio Romiti
1 - 3 - 7 luglio - P.za Cappella Viterbo

Corso - IPNOSI GRAFOLOGIA TEST DI RORSCHACH
26 – 27 Maggio 2012 - Roma

Congresso "L'ADOLESCENTE DIROMPENTE ED ANTISOCIALE" Roma, 17-18 Maggio 2012 e
Convegno "LA PREVENZIONE DEI COMPORTAMENTI ANTISOCIALI NEL GIOVANE E NELL'ADOLESCENTE" Roma, 19 Maggio 2012

 
Proposta Formativa 2011


Corso - Conoscere e Riconoscere la violenza, come gestirla.
Gli interventi di protezione in ambito psicologico e giuridico.




Visitatori Correnti : 20
Iscritti : 0